Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese


Lascia un commento

IL TERRITORIO DI GALLIPOLI – SECONDA PARTE

IL TERRITORIO DI GALLIPOLI: Gallipoli.

Continua…

Nel cuore del centro storico tra negozi e chiese
La strada è ben pavimentata, e la sua larghezza non particolarmente notevole è dettata dalla necessità di occupare ogni spazio disponibile dell’isola su cui è adagiato il centro storico. Proprio per questo motivo appare particolarmente contorto, ricco di vicoletti e povero di piazze, se non di piccole dimensioni.
Questo se da una parte da un’immagine affascinante alla cittadina, accompagnato dal piacere di perdersi nel suo labirinto, dall’altra può provocare un deciso affollamento causato dai flussi turistici. Bastano infatti pochi gruppi di scolaresche per avere come sottofondo il rumore e il chiasso dei ragazzini oltre che la non particolare agevolezza delle passeggiate. Mi ero proprio dimenticato che maggio è il mese ideale per le gite scolastiche, ma non immaginavo che questa cittadina fosse una delle mete predilette dagli studenti, a volte anche stranieri.

Continua qui:
Il Territorio di Gallipoli – Seconda Parte

12366127_978457708886385_3227172791325768290_o

Gallipoli – Scorcio del centro storico sul Seno della Purità

Annunci


Lascia un commento

IL TERRITORIO DI GALLIPOLI – PRIMA PARTE

IL TERRITORIO DI GALLIPOLI: Gallipoli.

Premessa.
Ho scelto appositamente il mese di maggio. Ho alle mie spalle anni di esperienza di viaggio: so quali sono i mesi migliori, i periodi migliori e i luoghi migliori. So quando andare in certe località, o quando andare in altre.
Solitamente privilegio i periodi tranquilli, poco affollati, per permettermi di assaporare le bellezze della comunità con tutta calma e nei minimi dettagli. Come regola generale nei mesi estivi sono solito scoprire i luoghi più sconosciuti, in montagna o in collina interna, lontano dai flussi turistici, mentre i mesi primaverili sono dedicati all’esplorazione delle famose località balneari o montane. Peccato che questa volta sia incappato in un errore da principianti, che ha messo in cattiva luce (ironicamente parlando) la mia “professionalità”: non avevo tenuto in debita considerazione il turismo scolastico.

Continua qui:
Il Territorio di Gallipoli – Prima Parte

12307452_978454445553378_2871118880408990265_o

Gallipoli – Visuale parziale del Rivellino


Lascia un commento

IL CAPO D’OTRANTO – QUARTA PARTE

IL CAPO D’OTRANTO: Otranto.

14 agosto 1480, qualche ora dopo
…È una scena raccapricciante, affrontata con freddezza e sicurezza dagli ottomani. Il boia lavora incessantemente, una testa dopo l’altra, davanti al pubblico attonito costretto ad osservare a forza lo spettacolo. C’è un corpo che è rimasto in piedi, sembra un miracolo, ma è sicuramente un’immagine che non avrei mai voluto vedere in vita mia: un corpo senza la testa. Gli uomini condannati ai loro destini sono ordinatamente in fila, rassegnati. Non potevo proprio immaginare che i miei vecchi amici turchi fossero capaci di fare una cosa del genere, ghermire e umiliare una popolazione e distruggerla. Fra poco non ci saranno più uomini. Sarà una città fantasma.
Osservo le donne rassegnate nel vedere i propri cari morire davanti ai loro occhi, e non oso immaginare il loro futuro, schiave o concubine. Comunque sfruttate dalla ferocia degli ottomani. C’è sangue dappertutto…

Continua qui:
Il Capo d’Otranto – Quarta Parte

12240820_967992939932862_8859589254723373592_o

Otranto – Cattedrale


Lascia un commento

IL CAPO D’OTRANTO – TERZA PARTE

IL CAPO D’OTRANTO: Otranto.

14 agosto 1480, meno di un miglio alla meta
…Finalmente sono arrivato a destinazione. Ho sellato e nascosto la mia amata mula in una boscaglia, anche se sono quasi certo di non ritrovarla al mio ritorno. Sempre che io riesca a uscire vivo da quell’inferno. Mi sto avvicinando lentamente alle mura della cittadina, ancora in fiamme e con le case ormai distrutte. È una carneficina. Perché? Perché? Perché voi, che mi avete accolto nel vostro Impero con cordialità e generosità, siete venuti fin qui a razziare le mie terre, violando involontariamente il nostro patto di amicizia? Non lo capirò mai. Sono triste e deluso…

Continua qui:
Il Capo d’Otranto – Terza Parte

11222548_967986796600143_1740065460614435207_o

Otranto – Punta Palascia – Faro


Lascia un commento

IL CAPO D’OTRANTO – SECONDA PARTE

IL CAPO D’OTRANTO: Santa Cesarea Terme.

13 agosto 1480, all’alba.

…Ho trascorso una notte senza sonno e senza sogni. Mi sta venendo la tentazione di tornare indietro e di scappare verso i più sicuri covi dell’entroterra per proteggere la mia pellaccia dalle orde dei pirati ottomani. Ma io sono semplicemente pazzo, voglio disubbidire alla mia severa coscienza.
Devo proseguire sprezzante di ogni pericolo e voglio sapere cosa sta succedendo alla capitale del nostro territorio. Cosa ne sarà di noi e dei nostri figli?
Sello nuovamente la mula e in un paesaggio petroso e incolto proseguo il mio viaggio verso nord. Probabilmente stanotte arriverò ad Otranto…

Continua qui:
Il Capo d’Otranto – Seconda Parte

12208620_966681610063995_8356938070170622876_n

Santa Cesarea Terme – Visuale pittoresca del paese


Lascia un commento

IL CAPO D’OTRANTO – PRIMA PARTE

IL CAPO D’OTRANTO: Castro.

12 agosto 1480, all’alba.
…Gli ottomani hanno vinto. Il nostro destino è segnato. Dopo quindici giorni d’assedio hanno espugnato la nobile e indifesa città di Otranto. Se vogliamo sopravvivere saremo costretti a convertirci all’Islam, anche se sono certo che ci ammazzeranno lo stesso. Le donne saranno violentate e i bambini ridotti a schiavi. Sarà un fosco avvenire.
Tutti me lo sconsigliano, ma devo andare. Ho bisogno di vedere con i miei occhi cosa è successo. Per fortuna conosco un po’ di ottomano, basta parlare poco e dire le parole giuste. Tanto sono vecchio, che possono farmi? Nella peggiore delle ipotesi, uccidermi.
Ho sellato la mia mula e ho raccolto i pochi viveri che sono riuscito ad accattare. Il viaggio è lungo e pericoloso, sono svariate miglia lungo la costa scoscesa e brulla con all’orizzonte l’attento sguardo dei nostri nemici. Ce la farò.
Meglio che smetta di scrivere queste poche e assurde parole e che incominci a viaggiare. Addio Castrum

Continua qui:
Il Capo d’Otranto – Prima Parte

12234960_966678993397590_8387979606648250622_n

Castro – Grotta Zinzulusa – Visuale del mare dall’antro


Lascia un commento

L’ENTROTERRA GALLIPOLINO

L’ENTROTERRA GALLIPOLINO: Tuglie, Alezio, Sannicola.

Ormai ne sono attratto come un pezzo di ferro ad una calamita. Ogni volta che torno a casa, ho sempre quell’attacco di nostalgia per il Salento. Ho voglia di esplorare nuovi paesi, nuovi luoghi, sebbene sia un paesaggio sostanzialmente piatto e monotono.
Lo so, non è sempre così. Le coste hanno una ricchezza di paesaggi senza pari e anche i silenziosi paesi dell’entroterra hanno ogni volta qualcosa da offrire, dalla gastronomia alle tradizioni popolari.
Ho esplorato uno ad uno tutti i paesi della punta meridionale della penisola salentina. Alcuni mi hanno emozionato, altri mi hanno lasciato indifferente, ma generalmente non sono mai rimasto deluso. È difficile non farsi coinvolgere dallo spirito, a volte vivace e a volte melanconico che le comunità salentine sanno effondere.
Ho percorso palmo per palmo l’intero territorio delle Serre, ovvero delle colline carsiche lievemente ondulate che si sviluppano dal Capo di Santa Maria di Leuca. Ora ho ormai raggiunto le estreme propaggini settentrionali, proprio alle porte di Gallipoli. Quella sarà la prossima meta.

Continua qui:
L’Entroterra Gallipolino

12184101_961576700574486_1866366835790323324_o

Sannicola – Fraz. Lido Conchiglie – Ex Abbazia San Mauro