Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese


Lascia un commento

IL SARRABUS – PRIMA PARTE

IL SARRABUS: Burcei, San Vito.

…Qui, in mezzo alla natura, in compagnia di qualche cervo sardo che mi osserva, mimetizzandosi tra gli arbusti, posso dire che la mia avventura sia vera che immaginaria in Sardegna è terminata.
Niente paura. Ci tornerò…

Alla fine ho mantenuto la promessa e il mio nuovo viaggio sardo riparte proprio da qui, da dove avevo terminato la mia precedente avventura. Esattamente sul passo di Arcu ‘e Tidu che, secondo alcuni geografi, funge da confine tra il Sarrabus e l’area cagliaritana.
Io non sono per nulla convinto di questo, il paesaggio non è diverso e mi è difficile concepire che il verdeggiante e granitico complesso dei Sette Fratelli non possa far parte del selvaggio territorio del Sarrabus che sono in procinto di esplorare. È una delle tante subregioni storiche dell’isola, con confini mai chiaramente definiti che, spesso e volentieri, non coincidono con le delimitazioni comunali arbitrariamente segnalate sulla carta.

Continua qui:
Il Sarrabus – Prima Parte

11047944_936153359783487_7979006845331225716_o-1

Burcei – Monte Serpreddì – Panorama del paese con alle spalle il Monte Sette Fratelli


Lascia un commento

IL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE – TERZA PARTE

IL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE: Miglionico.

In viaggio verso la nostra meta…
È stata una strage. Tutti gli schiavi fuggitivi sono stati uccisi dalla guarnigione che presidiava il castrum, sfruttando l’effetto sorpresa. Purtroppo ci sono state un paio di vittime tra i soldati romani e la comitiva si è proposta di offrire in sacrificio agli dèi tutto quello che aveva di più prezioso per onorare i morti.
La nostra famiglia ha donato una spelacchiata gallina, che era l’unica cosa che possedevamo, oltre la nostra mula. Spero che gli dei abbiano comprensione di noi.
Ora siamo di nuovo in viaggio e mi piacerebbe che raggiungessimo la famiglia della mia consorte prima che il sole cali.

Continua qui:
Il Metapontino e le Murge Materane – Terza Parte

11908944_928900950508728_3954747694245837774_o-1

Miglionico – Castello del Malconsiglio – Visuale del paese dalla cinta muraria


Lascia un commento

IL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE – SECONDA PARTE

uIL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE: Montescaglioso, Pomarico.

Nei pressi di un ruscello, in tarda mattinata…
I miei bambini stanno leggermente meglio, anche se le condizioni del più piccolo mi preoccupano molto. Ho chiesto un po’ di latte a un bovaro che viaggiava con noi e me l’ha gentilmente offerto. Ci siamo fermati nei pressi di un ruscello dopo aver superato delle brulle colline di argilla e l’ho riscaldato un po’ per offrirlo al piccino.
Mia moglie ha ancora uno sguardo torvo, ma non ci faccio più caso. In fondo è una buona donna, una grande lavoratrice e ha tenuto sempre in piedi la famiglia. Ci sono tracce di mura di una località antica e la nostra tappa è un villaggio vicino arroccato in cima a una collina. Anche se quella non è la nostra meta definitiva, vorremmo semplicemente arrivarci prima che faccia buio.

Continua qui:
Il Metapontino e le Murge Materane – Seconda Parte

11879014_928212697244220_655835177829109441_o-1

Montescaglioso – Abbazia San Michele Arcangelo – Prospetto posteriore


Lascia un commento

IL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE – PRIMA PARTE

IL METAPONTINO E LE MURGE MATERANE: Bernalda.

Prologo

Intorno al 680-685 ab Urbe condita, non lo so con precisione
Non ricordo l’anno, anzi se devo essere sincero non so che anno sia oggi. So soltanto che è un periodo di fine estate e dovrei iniziare a vendemmiare. Questa è l’unica cosa che conta per me.
Il calendario non mi è mai servito, se non una volta l’anno per pagare il giusto tributo alla Repubblica. Non so neanche quando sono nato e non uso festeggiare il mio anniversario, sono frivolezze dei ricchi patrizi. Io sono semplicemente dedito alla coltivazione delle mie terre per sostentare la mia famiglia. Null’altro.
Questa volta gli dei sono stati crudeli con me, il mio terreno che ho curato con tanto sudore è totalmente distrutto dalle scorribande degli schiavi fuggitivi. E ora sono costretto ad andare verso le colline, dai parenti della mia consorte, con la speranza che ci possano dare un piccolo appezzamento. Almeno posso fare qualcosa per sopravvivere.

Continua qui:
Il Metapontino e le Murge Materane – Prima Parte

11873391_927088940689929_1623562296175111578_n-1

Bernalda – Fraz. Metaponto – Tavole Palatine