Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese


Lascia un commento

LA VIA APPIA BRINDISINA – SECONDA PARTE

LA VIA APPIA BRINDISINA: Oria.

Continua…

Ore 13:30. Come siamo trafelati. Abbiamo fatto una corsa forsennata per raggiungere la stazione ferroviaria di Francavilla Fontana. Eravamo nei pressi di Porta Nuova e la stazione era praticamente alla parte opposta della città. Abbiamo dovuto percorrere l’intera Via Garibaldi, sino a raggiungere Via Roma, dopo aver dato un’ultima occhiata all’elegante Piazza Umberto I. Superata la Porta del Carmine, abbiamo percorso Viale Lilla sino alla stazione.
Per fortuna la mia compagna era molto atletica e aveva un passo decisamente sostenuto, al contrario di me che sono un po’ cicciottello e fuori allenamento. Non a caso lei è andata avanti ed è riuscita a comprare i biglietti del treno in tempo. Siamo riusciti a salire sul treno che, per nostra fortuna, aveva tre minuti di ritardo. Circa cinque minuti fa, dopo quattro minuti di viaggio attraverso gli ulivi, siamo arrivati alla nobile e storica Oria. È giunto il momento di mangiare.

Continua qui:
La Via Appia Brindisina – Seconda Parte

1452509_602164026515757_891766315_n (1)

Oria – Scorcio della giudecca

Annunci


Lascia un commento

LA VIA APPIA BRINDISINA – PRIMA PARTE

LA VIA APPIA BRINDISINA: Villa Castelli, Francavilla Fontana.

Ore 7:00. È una mattinata soleggiata di fine estate, il cielo è limpido anche se il terreno è ancora intriso dall’umidità residua delle piogge dell’ultima settimana. Ha piovuto tantissimo e non abbiamo potuto visitare molto della Puglia, non pensavo che qui le piogge fossero così fitte e torrenziali.
Eccolo il pigrone, è ancora a letto e tra meno di un’ora abbiamo l’autobus per l’escursione che lui ha programmato. Non voglio criticarlo, ma è troppo metodico, quasi un rompiscatole, un po’ di avventura no? E no, bisogna fare come dice lui, sennò si offende. Non voglio litigare di nuovo, non me la sento. Siamo sempre in vacanza, che sono queste quisquilie contro l’amore che provo per lui?
Dai, meglio che lo svegli, altrimenti facciamo tardi.

Continua qui:
La Via Appia Brindisina – Prima Parte

1422437_601296723269154_1064478427_n (1)

Francavilla Fontana – Palazzo Imperiali


Lascia un commento

LA COSTA IONICA TARANTINA ORIENTALE – SECONDA PARTE

LA COSTA IONICA TARANTINA ORIENTALE: Pulsano, Leporano.

Viaggio verso ovest. Alle mie spalle Lucifero lascia spazio ai primi raggi di sole. Il cielo sta diventando sempre più nuvoloso e il levante sta cedendo spazio a una gelida tramontana.
È alba, una fredda mattina del diciassettesimo giorno del sacro mese lunare Dhu al-Q’adah, a 953 anni dall’Egira del mio amato profeta. È trascorsa solo una settimana dalla morte del mio caro amico e comandante Chria e sto vagando in queste inospitali e infedeli terre salentine.
Sto cercando di raggiungere il mio avamposto segreto, nei pressi di Taranto, in modo da imbarcarmi nella galea dei miei fratelli e raggiungere il prima possibile la mia terra natia, la Berberia.

Continua qui:
La Costa Ionica Tarantina Orientale – Seconda Parte

Pulsano - Mare

Pulsano – Mare


Lascia un commento

LA COSTA IONICA TARANTINA ORIENTALE – PRIMA PARTE

LA COSTA IONICA TARANTINA ORIENTALE: Maruggio, Torricella, Lizzano.

È il ventisettesimo giorno del mese lunare Muharram, a 954 anni dall’Egira di Maometto. Mancano tre giorni alla fine del mese sacro e io, annoiato, sono in riposo forzato sulle coste della Berberia. Sono un “corsaro” come lo chiamano gli infedeli europei e la mia vita è basata sempre e solo sulle razzie e sugli stupri, prediligendo ovviamente le vergini di religione cristiana.
Memorabili sono stati i nostri saccheggi alle isole Eolie, nei pressi di Messina, e a Ischia, di fronte a Napoli: è successo quattro anni lunari fa, e abbiamo raccolto migliaia di schiavi, tra di esse bellissime donne con cui ho avuto la soddisfazione di accostarmi.
Perché faccio questo? Perché sono così crudele? Semplice, per due ragioni: per sopravvivenza economica e perché sono fedele al mio Profeta. Non posso vedere gli infedeli vivere liberamente sotto un falso Dio (che blasfemamente alcuni ritengono lo stesso del nostro) e sotto falsi precetti religiosi. Potrò morire in pace solo quando l’intera Europa sarà sottomessa all’Islam.

Continua qui:
La Costa Ionica Tarantina Orientale – Prima Parte

Maruggio - Convento dei Frati Minori Osservanti - Chiostro

Maruggio – Convento dei Frati Minori Osservanti – Chiostro