Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese


Lascia un commento

LE SERRE SALENTINE INTERNE – TERZA PARTE

LE SERRE SALENTINE INTERNE: Casarano, Matino.

Canuscu ‘na carusa tunna e beddha
vicinu casa mia staie tè casa.

Iddha se chiama Nina e tene l’occhi
ca ci li guardi tie, tè ne ‘nnamuri.

E propriu cusì beddha comu na stiddha
E ci uliti la vititi eccula quai.

Oh Nina, li capiddhi rizzi e niuri
la notte me li sonnu
allu cuscinu.

Oh Nina, ce me piaci quannu balli,
ca comu balli tie, ieu essu pacciu.

Oh Nina, Nina mia, ma come mi piaci. Come mi piaci. Nene, nenene, neneneeee….
Ho canticchiato diversi motivi salentini, probabilmente storpiandoli mentre ero in procinto di proseguire l’esplorazione delle popolose cittadine dell’entroterra. Ho superato con solamente due tornanti il bel crinale della Serra di Supersano e un rettilineo dimostra che mi trovo in una fertile conca puntellata da ulivi, agrumi, alberi da frutto e le immancabili piantagioni di angurie.

Continua qui:
Le Serre Salentine Interne – Terza Parte

11855618_924323457633144_2705456537572779693_n (1)

Casarano – Guglia di San Giovanni Elemosiniere

Annunci