Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese

LA TERRA DELLE SALINE

Lascia un commento

LA TERRA DELLE SALINE: Margherita di Savoia, Zapponeta, Trinitapoli, San Ferdinando di Puglia.

Pedalo in sella alla mia amata bici da un bel po’ di chilometri. È una fresca giornata di fine settembre, una di quelle belle ventilate e umide, come il giorno dopo la pioggia. Sto fiancheggiando la costiera adriatica e ho deciso di esplorare un territorio, certo dominato dalla natura, ma che è anche trasformato completamente dall’uomo.
Solitamente si pensa che un territorio trasformato dalle attività umane sia costituito da aree disboscate e coltivate con graminacee oppure alberi da frutto, o peggio convertite in una serie continua di palazzine, una simile all’altra, una più brutta dell’altra.
L’uomo ha spesso rovinato il paesaggio, ma qualche volta l’ha migliorato. È raro, ma a volte capita. Continuo a pedalare e arrivo nei pressi della foce del fiume Ofanto, il più lungo della Puglia e il secondo del Mezzogiorno continentale. È costituita per lo più da canneti e da paludi e rammenta come era il territorio prima della bonifica: paludoso e malarico. Non potevano vivere esseri umani e anche gli animali in genere.

Continua qui:
La Terra delle Saline

10393734_814573005274857_89344783320288086_n (1)

Margherita di Savoia – Visuale delle Saline con fenicotteri

Annunci

Autore: caruccifabrizio

@fabrizio0911

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...