Racconti di viaggio tra i paesi italiani

Esplorare gli ottomila e passa campanili che puntellano il nostro Belpaese

LA BASSA CREMASCA

Lascia un commento

LA BASSA CREMASCA: Gombito, Montodine, Ripalta Arpina, Moscazzano, Ripalta Guerina, Ripalta Cremasca, Capergnanica.

Il passaggio dal Cremonese al Cremasco è quasi invisibile. Il paesaggio sembra uguale, le cascine identiche e le chiese le stesse, con i soliti campanili.
Basta conoscere l’altitudine dei due “capoluoghi” per capire che una differenza territoriale c’è: Cremona è a 45 metri sopra il livello del mare, mentre Crema (solo 30 chilometri più a nord) è già a 79 metri. Siamo sul confine tra l’alta e la bassa pianura, l’area delle risorgive, ossia le sorgenti che affiorano dal suolo. Una delle aree più fertili della Pianura Padana, eppure storicamente non è stato sempre così.
Qui storia e leggenda si confondono e come ben si sa, le leggende hanno sempre qualcosa di vero.
Sto pensando al mito del lago Gerundo, con il suo drago di nome Tarantasio. Un drago che, secondo la popolazione locale, mangiava i bambini e il suo fiato pestifero provocava regolarmente epidemie nei paesi e villaggi vicini.
Ovviamente il drago non è mai esistito, ma è interessante pensare come gli “effetti” della sua presenza si manifestassero regolarmente: le epidemie di malaria e febbre gialla erano all’ordine del giorno, le scomparse dei bambini erano frequenti. Questo perché?

Continua qui:
La Bassa Cremasca

Moscazzano - Santuario della Madonna dei Prati - Panorama

Moscazzano – Santuario della Madonna dei Prati – Panorama

Annunci

Autore: caruccifabrizio

@fabrizio0911

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...